agenzia web marketing

E Ljubojevic che fa? Qualche combinazione l’ha giocata in carriera? Risponde agenzia web marketing!

agenzia web marketingPer introdurre javascript abbiamo scomodato il GM Petrosjan all’ indirizzo: https://umbriawayfidelizza.wordpress.com/2017/12/23/petrosjan-non-sapeva-difendersi-forse-sei-in-uno-stato-alterato-di-coscienza-e-comunque-senza-lo-studio-dei-classici-non-ti-serve-a-niente-giocare-lampo-20-ore-al-giorno-su-internet-per-diventare-il/ invece per parlare di variabili abbiamo scomodato Efim Geller all’ indirizzo: https://umbriawayfocus.wordpress.com/2017/12/23/colpi-tattici-da-paura-studia-le-mosse-rocambolesche-partorite-da-quel-pazzo-di-geller/ invece per parlare dei tipi di dati e le loro caratteristiche javascript abbiamo scomodato Nigel Short all’ indirizzo https://umbriawayformazione.wordpress.com/2017/12/24/difesa-pirc-quando-invita-qualcuno-alla-demolizione-dellimpianto-impugnando-una-pistola-il-nome-dell-agonista-che-ha-il-bianco-che-ha-il-fucile-entra-nella-leggenda/ per parlare delle istruzioni condizionali abbiamo scomodato il GM Dreev all’ indirizzo https://umbriawaynoir.wordpress.com/2017/12/25/buon-natale-da-alexey-dreev-best-games/ mentre Tony Miles lo abbiamo scomodato all’ indirizzo https://umbriawayvendita.wordpress.com/2017/12/26/tony-miles-best-games-e-i-mostri-dai-mille-occhi/ per parlare di FUNZIONI in JavaScript. A Gualdo Tadino ci siamo andati per valorizzare il GM Sokolov e per parlare di oggetti indirizzo https://umbriawayvalorizza.wordpress.com/2017/12/26/e-andrei-sokolov-che-fa/ mentre a Nocera Umbra ci siamo andati per valorizzare il GM Vaganian e per parlare di array in JS indirizzo https://umbriawaytarget.wordpress.com/2017/12/27/e-vaganian-che-fa-la-sa-giocare-la-francese-chiedetelo-a-reshevsky/. A questo punto con agenzia web marketing non ci resta che chiudere il cerchio parlando di https://it.wikipedia.org/wiki/Ljubomir_Ljubojevi%C4%87 appunto Ljubo per gli amici dove si evince che: Ljubomir Ljubojevic (Uzice, 2 novembre 1950) è uno scacchista serbo (fino al 1992 jugoslavo), Grande maestro. Ottenne il titolo di Maestro Internazionale nel 1970 e di Grande maestro nel 1971 all’età di 21 anni. Nel trentennio 1970-90 è stato il più forte giocatore jugoslavo, l’unico in quel periodo a competere per il titolo mondiale. Partecipò poche volte al campionato jugoslavo, ma lo vinse due volte, nel 1977 (ex aequo con Marangunic) e nel 1982. Nel 1983 era 3° nella classifica Elo mondiale dietro a Karpov e Kasparov. Ha giocato per la Jugoslavia in 12 Olimpiadi dal 1972 al 2002, nove volte in 1a scacchiera, col risultato complessivo del 63,5 % (+ 66 = 75 – 22). Vinse una medaglia d’oro in 3a scacchiera alle olimpiadi di Skopje 1972 e tre di bronzo, una individuale e due di squadra. Ha vinto partite coi più forti campioni, tra cui Larsen, Korchnoi, Tal, Karpov e Kasparov (blitz). Vive da diversi anni in Spagna. All’ indirizzo http://www.chessgames.com/player/ljubomir_ljubojevic.html troviamo un pò delle sue performances. Per scoprire con agenzia web marketing che anche un giocatore granitico come Andersson può venire piallato in sinfonia maggiore indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1019762. Oppure che anche DURAO durava poco dopo i suoi trattamenti: http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1091498 o che poteva vincere anche contro Larsen in meno di 30 mosse: http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1091560. Giocatore formidabile, volendo fare un pò di ironia con agenzia web marketing guardando queste partite potremmo dire che accumulava piccoli vantaggi per vincere meticolosi finali protratti fino alla mossa 120! E ora chiudiamo il cerchio con JavaScript e agenzia web marketing! Quando si apre una pagina Web in un browser, sottolinea agenzia web marketing, l’HTML della pagina viene caricato e reso visivamente sullo schermo. Per fare ciò, il browser costruisce il modello oggetto documento di quella pagina, che è un modello orientato agli oggetti della sua struttura logica. agenzia web marketingIl DOM di un documento HTML può essere rappresentato come un insieme di caselle annidate, come evidenziato nel post da agenzia web marketing. JavaScript può essere utilizzato per manipolare dinamicamente il DOM di una pagina per aggiungere, eliminare e modificare elementi. Il DOM rappresenta un documento come una struttura ad albero. Gli elementi HTML diventano nodi interrelati nell’albero. Tutti quei nodi nell’albero hanno qualche tipo di relazione tra loro. I nodi possono avere nodi figli. I nodi sullo stesso livello dell’albero sono chiamati fratelli. Ad esempio, considera la seguente struttura: Per l’esempio sopra: <html> ha due figli (<head>, <body>); <head> ha un figlio (<titolo>) e un genitore (<html>); <title> ha un genitore (<head>) e nessun figlio; <body> ha due figli (<h1> e <a>) e un genitore (<html>); È importante comprendere le relazioni tra gli elementi in un documento HTML per poterli manipolare con JavaScript. C’è un oggetto documento predefinito in JavaScript, che può essere utilizzato per accedere a tutti gli elementi sul DOM. In altre parole, l’oggetto documento è il proprietario (o root) di tutti gli oggetti nella tua pagina web. Quindi, se si desidera accedere agli oggetti in una pagina HTML, si inizia sempre con l’accesso all’oggetto documento. Per esempio:

document.body.innerHTML = “Some text”;

Poiché body è un elemento del DOM, possiamo accedervi utilizzando l’oggetto document e modificare il contenuto della proprietà innerHTML. La proprietà innerHTML può essere utilizzata su quasi tutti gli elementi HTML per modificarne il contenuto. Tutti gli elementi HTML sono oggetti. E come sappiamo ogni oggetto ha proprietà e metodi. L’oggetto documento ha metodi che consentono di selezionare l’elemento HTML desiderato. Questi tre metodi sono quelli più comunemente usati per selezionare elementi HTML:

//finds element by id
document.getElementById(id)

//finds elements by class name
document.getElementsByClassName(name)

//finds elements by tag name
document.getElementsByTagName(name)

Nell’esempio seguente, il metodo getElementById viene utilizzato per selezionare l’elemento con id = “demo” e modificarne il contenuto:

var elem = document.getElementById(“demo”);
elem.innerHTML = “Hello World!”;

The example above assumes that the HTML contains an element with id=”demo”, for example

.

Il metodo getElementsByClassName () trova tutti gli elementi in base al nome della classe e li restituisce come una matrice. Ad esempio, se la nostra pagina HTML contenesse tre elementi con class = “demo”, il seguente codice restituirebbe tutti quegli elementi come una matrice:

var arr = document.getElementsByClassName(“demo”);
//accessing the second element
arr[1].innerHTML = “Hi”;

Allo stesso modo, il metodo getElementsByTagName restituisce tutti gli elementi del nome del tag specificato come una matrice. L’esempio seguente ottiene tutti gli elementi di paragrafo della pagina e ne modifica il contenuto:

<p>hi</p>
<p>hello</p>
<p>hi</p>

var arr = document.getElementsByTagName(“p”);
for (var x = 0; x
arr[x].innerHTML = “Hi there”;
}

Lo script risulterà nel seguente codice HTML:

<p>Hi there</p>
<p>Hi there</p>
<p>Hi there</p>

Abbiamo usato la proprietà length dell’array per scorrere tutti gli elementi selezionati nell’esempio precedente.

Ogni elemento nel DOM ha un insieme di proprietà e metodi che forniscono informazioni sulle loro relazioni nel DOM:

element.childNodes restituisce una matrice di nodi figlio di un elemento.
element.firstChild restituisce il primo nodo figlio di un elemento.
element.lastChild restituisce l’ultimo nodo figlio di un elemento.
element.hasChildNodes restituisce true se un elemento ha nodi figli, altrimenti false.
element.nextSibling restituisce il nodo successivo allo stesso livello dell’albero.
element.previousSibling restituisce il nodo precedente allo stesso livello dell’albero.
element.parentNode restituisce il nodo genitore di un elemento.

Possiamo, ad esempio, selezionare con agenzia web marketing  tutti i nodi figli di un elemento e modificarne il contenuto:

<html>
<body>

some text

 

some other text

 

 

var a = document.getElementById(“demo”);
var arr = a.childNodes;
for(var x=0;x
arr[x].innerHTML = “new text”;
}

</body>
</html>

Il codice sopra cambia il testo di entrambi i paragrafi in “nuovo testo”. Una volta selezionato l’elemento (i) con cui si desidera lavorare, è possibile modificarne gli attributi. Come abbiamo visto nelle lezioni precedenti, possiamo modificare il contenuto del testo di un elemento usando la proprietà innerHTML. Allo stesso modo, possiamo cambiare gli attributi degli elementi. Ad esempio, possiamo cambiare l’attributo src di un’immagine:

<img id=”myimg” src=”orange.png” alt=”” />

var el = document.getElementById(“myimg”);
el.src = “apple.png”;

Possiamo modificare l’attributo href di un collegamento:

<a href=”http://www.example.com”>Some link</a>

var el = document.getElementsByTagName(“a”);
el[0].href = “http://www.farwebdesign.com&#8221;;

Praticamente tutti gli attributi di un elemento possono essere modificati utilizzando JavaScript. Lo stile degli elementi HTML può anche essere modificato utilizzando JavaScript. È possibile accedere a tutti gli attributi di stile utilizzando l’oggetto stile dell’elemento. Per esempio:

 

some text

var x = document.getElementById(“demo”);
x.style.color = “6600FF”;
x.style.width = “100px”;

Il codice sopra cambia il colore del testo e la larghezza dell’elemento div. Tutte le proprietà CSS possono essere impostate e modificate utilizzando JavaScript. Ricorda solo che non puoi usare i trattini (-) nei nomi delle proprietà: questi sono sostituiti con le versioni di CamelCase, dove le parole composte iniziano con una maiuscola. Ad esempio: la proprietà background-color dovrebbe essere indicata come backgroundColor. Utilizzare i seguenti metodi per creare nuovi nodi:

element.cloneNode () clona un elemento e restituisce il nodo risultante.
document.createElement (elemento) crea un nuovo nodo elemento.
document.createTextNode (testo) crea un nuovo nodo di testo.

Per esempio:

var node = document.createTextNode(“Some new text”);

Questo creerà un nuovo nodo di testo, ma non apparirà nel documento finché non lo aggiungi ad un elemento esistente con uno dei seguenti metodi:

element.appendChild (newNode) aggiunge un nuovo nodo figlio a un elemento come ultimo nodo figlio.
element.insertBefore (node1, node2) inserisce node1 come child before node2.

Esempio:

 

some content

 

//creating a new paragraph
var p = document.createElement(“p”);
var node = document.createTextNode(“Some new text”);
//adding the text to the paragraph
p.appendChild(node);

var div = document.getElementById(“demo”);
//adding the paragraph to the div
div.appendChild(p);

Questo crea un nuovo paragrafo e lo aggiunge all’elemento div esistente nella pagina. Per rimuovere un elemento HTML, è necessario selezionare il genitore dell’elemento e utilizzare il metodo removeChild (nodo). Per esempio:

 

This is a paragraph.

 

This is another paragraph.

 

 

var parent = document.getElementById(“demo”);
var child = document.getElementById(“p1”);
parent.removeChild(child);

Questo rimuove il paragrafo con id = “p1” dalla pagina. Un modo alternativo per ottenere lo stesso risultato sarebbe l’uso della proprietà parentNode per ottenere il genitore dell’elemento che vogliamo rimuovere:

var child = document.getElementById(“p1”);
child.parentNode.removeChild(child);

Per sostituire un elemento HTML, fa notare agenzia web marketing, viene utilizzato il metodo element.replaceChild (newNode, oldNode). Per esempio:

 

This is a paragraph.

 

This is another paragraph.

 

 

var p = document.createElement(“p”);
var node = document.createTextNode(“This is new”);
p.appendChild(node);

var parent = document.getElementById(“demo”);
var child = document.getElementById(“p1”);
parent.replaceChild(p, child);

Il codice sopra crea un nuovo elemento di paragrafo che sostituisce il paragrafo p1 esistente. A questo punto non ci resta con agenzia web marketing che lasciare l’ultima parte sugli eventi e le animazioni in sospeso, stay tuned!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...