Scacco matto ai temi wordpress in 4 mosse? Riflessioni sulla mossa N 18, problema cache

Nelle puntate precedenti https://umbriawayinfo.wordpress.com/2019/04/14/dare-scacco-matto-ai-temi-wordpress-in-425-mosse-istruzioni-per-luso/ e https://umbriawaypotenzia.wordpress.com/2019/04/14/scacco-matto-ai-temi-wordpress-in-1456-mosse-istruzioni-per-luso/ abbiamo visto che 4 mosse non bastano per dare scacco matto ai temi WP, perchè siamo arrivati a 18 mosse concrete per customizzare il nostro tema. In particolare nella mossa 18 ci siamo fatti una domanda e ci siamo dati una risposta. Come facciamo a inserire nella nostra index.php i link per le risorse esterne come i CSS e i FONT per esempio? Abbiamo visto che è il tasto function.php che si sbatte per fare tutto il lavoro sporco e in particolare grazie all’ istruzione:

/*
function smart_files(){

wp_enqueue_style(‘google_font’ , ‘//fonts.googleapis.com/css?family=Montserrat:400,700’);

wp_enqueue_style(‘smart_style’ , get_stylesheet_uri(), NULL , microtime());

}

e al metodo

add_action(‘wp_enqueue_scripts’ , ‘smart_files’);

*/

possiamo integrare nelle nostre pagine tutti i collegamenti esterni. A questo punto non ci resta che andare avanti e vedere quanto ci mettiamo per scaccomattare il nostro tema wordpress superpersonalizzato. Ma prima delucidiamoci un attimo sulla mossa 18 e la funzione per risolvere il problema cache soffermandoci sulla stringa:

/*

wp_enqueue_style(‘smart_style’ , get_stylesheet_uri(), NULL , microtime());

*/

Mossa N 18 bis, regolare la cache per lo sviluppo in locale dunque. Sempre usando il file function.php, dobbiamo fare in modo che i cambiamenti sulle pagine non subiscano intoppi tipo quello della cache per esempio, che si verifica spesso. Dobbiamo quindi ottimizzare il nostro lavoro sui css per esempio, perché se aggiungo delle regole potrei non vederle, ma solo per un problema di cache come é facile verificare usando l’INSPECTOR di CHROME tab NETWORK, che carica sempre lo stesso file e non quello nuovo, cache che é lentissima a reagire nella fase di sviluppo. Quindi usiamo il nostro file di configurazione per aggiungere dei parametri che sono quelli che vediamo a fine stringa:

NULL , microtime()

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...